Close

Lettino o Co-sleeping?

Rimango dell’idea che ogni mamma ed ogni famiglia deve fare quel che si sente e trovare il proprio equilibrio perchè: OGNI BAMBINO E’ DIVERSO!

La mia piccola i primi mesi non dormiva, si disperava se stesa ovunque quindi presa dallo sconforto ho provato a farla dormire tra le mie braccia aiutandomi con la fascia porta bebè ( la mia salvezza) e da lì una serie di splendide notti dove io serena sentivo lei dormire e respirare e riuscivo ad allattarla senza problemi e lei non piangeva disperata.

A 4 mesi è iniziato il calvario dentizione con pianti tutte le notti e ci siamo chiesti perchè rilegarla nel lettino e rischiare di impazzire perchè non si dorme? allora in accordo con il mio compagno siamo passati tra lettino e lettone fino ai 9 mesi quando ho smesso di allattare.

Ora Sofia si addormenta nel suo lettino ed ogni tanto finisce a metà nottata tra noi quando magari gli ultimi dentini o il raffreddore la torturano e piange disperata, lei si calma e a noi non pesa.

Ho imparato a fregarmene dei commenti di chi non ci conosce e vuol dare consigli non richiesti e andiamo avanti come meglio crediamo

Al di là delle idee di ognuno ho trovato un articolo che parlava di come i neonati se dormono accanto alla loro mamma, a contatto con la sua pelle dormo meglio.

Alla faccia quelle teorie che vogliono insegnare alle neo-mamme come mettere i bimbi nella culla da soli dopo pianti infiniti.( Ho letto anche il metodo Estivill, mi sono informata su tutto), a come consolarli quando piangono senza prenderli ( a detta del mio pediatra il miglior metodo) , uno studio in corso di pubblicazione su Biological Psychiatry, realizzato da un gruppo di ricercatori guidati da Nils Bergman della University of Cape Town, in Sud Africa, ha dimostrato che il bambino sta meglio se di notte sta vicino a chi lo cura, a contatto con la pelle della mamma dormono meglio

Il battito cardiaco è più regolare, i livelli di stress sono più bassi e il riposo del bebè è migliore. Dormendo “pelle a pelle” con la mamma, piuttosto che da soli nella culla, i bambini avrebbero un sonno più tranquillo.

Gli studiosi, esaminando il riposo di 16 neonati di pochi giorni di vita, hanno rilevato che il cuore di quelli che dormono da soli nella culla subisce uno stress tre volte maggiore di quello dei piccoli che, invece, vengono fatti addormentare a contatto con la pelle della mamma.

Ancora oggi mi sento dire ” Se non abitui Sofia rimarrà a letto con voi per sempre…” e mi viene da sorridere perchè io sono convinta della scelta del (semi) co-sleeping ( Lei dorme parte della nottata nel suo lettino). Nel periodo dell’allattamento per la mamma è molto più comodo, soprattutto se inverno.

Vicino ai genitori si sentono protetti e sicuri.

E’ tutto rose e fiori? NO CERTAMENTE!

Lati negativi? beh sicuramente i calci di notte e le dormite ai lati del lettone per lasciar spazio a lei ma sicuramente non asarà per tutta la vita, prima o poi non vorrà più vicinio mamma e papà e quindi meglio godersi questo batuffoletto caldo e meraviglioso ora che ti abbraccia per addormentarsi

  1. A chi pensa che il Safe CoSleeping Co-sleeping mini l’indipendenza futura del bambino…. beh mi figlia ha quasi 14 mesi, gioca spesso da sola senza problemi, ama stare con altri bambini e non ha problemi a rimanere con gli adulti e non è una mammona anzi!

L’indipendenza la si insegna trasmettendo sicurezza e amore!

Arianna Bano

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: