Close

Le mamme ribelli non hanno paura




L’arrivo di un figlio è uno stravolgimento fisico e mentale, cambia tutto: il tuo corpo, i tuoi pensieri, le responsabilità, le abitudini e perfino i gusti in fatto di libri.

Ho sempre letto tanto, cercando di spaziare anche sui generi, ma da quando è nato Alessandro provo attrazione solo verso libri che parlano di maternità o di genitorialità.

Credo che sia una normale inclinazione che si sviluppa quando cerchi conforto e confronto mentre non capisci se tuo figlio si bagna continuamente perchè sei una schiappa a cambiargli il pannolino o, se non sai comprare quello giusto.

 

“Le mamme ribelli non hanno paura” è il libro d’esordio di una giovane scrittrice, Giada Sundas, una ragazza come tante diventata presto mamma, che ha iniziato a raccontare aneddoti sulla sua gravidanza, prima, e sull’essere mamma, dopo, sui social, in modo schietto, realistico, non necessariamente mieloso, con un’ironia brillante e pungente, conquistando sempre più followers, likes e commenti.

 

Dai social alla carta stampata il passo è stato breve portandola a raccogliere appunti della sua gravidanza, del suo parto, della vita in tre, creando così una sorta di diario per la sua Mya.

Aneddoti intimi, simpatici, commoventi, rocamboleschi, raccontati con una semplicità che rende la lettura fluida ed intensa.

Ci si immedesima in quelle parole, in quegli episodi, in quel sentirsi un giorno una mamma, una compagna, una donna perfetta ed il giorno dopo un totale fallimento su ogni aspetto della propria vita.

Ci si sente capite, meno sole, meno inette, si comprende quanto sia importante essere meno severe con noi stesse ed accettare le nostre fragilità, le nostre debolezze che non ci rendono meno “mamma”, ma semplicemente umane.

Giada Sundas si racconta, regalandoci scorci della sua quotidianità fatta di incontri, errori, gaffes, di amore verso sua figlia ed il suo compagno, narra con sincerità cosa vuol dire essere madre, non nasconde le difficoltà dietro a melense frasi fatte.

Perchè sì, ogni madre adora i propri figli, ma ognuna di noi attraversa momenti difficili e bui durante i quali maledice l’uomo per non aver creato il teletrasporto.

 

“Le mamme ribelli non hanno paura” è un libro che ha molto da insegnare: sentirci libere di essere noi stesse anche quando non ci piacciamo o andiamo contro gli stereotipi che la società perbenista ci impone, senza nasconderci dietro a sorrisi di facciata quando abbiamo passato innumerevoli nottate a vegliare i nostri bambini.

Una donna che accetta i propri limiti, cercando di superarli per il bene della famiglia, senza metterli a tacere, ma al contrario, condividendoli con chi le sta intorno alla ricerca di aiuto, forse, non sarà la più organizzata delle madri ma, certamente, sarà una buona madre!




Roberta

 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: