Close

Culetto rosso: i rimedi della nonna




Uno dei primi drammi che attraversano i genitori dei bimbi, è il culetto arrossato!
A volte solo leggermente e a volte arrivano ad esserci dermatiti con piaghe e carne  viva!
Iniziamo ad elencare cosa può provocare questo enorme fastidio ai nostri bimbi:

 

  • La causa più comune è lo sfregamento del pannolino sulla pelle delicatissima del neonato. Lo sfregamento del pannolino con L’umidità del sudore e del ristagno dell’urina a contatto con la pelle possono provocare quella che è chiamata DERMATITE DA PANNOLINO
  • Ci sono casi di Allergia a detergenti e creme, che spesso si confondono con dermatiti da sfregamento.
  • La presenza di urine o feci più acide, magari in corrispondenza all’assunzione di qualche nuovo cibo, ristagnando nelle pieghe inguinali, possono provocare brutte dermatiti!

Il primo accorgimento per prevenire tutto ciò è di mantenere un igiene curata e fissare il cambio di pannolino a intervalli più brevi senza aspettare necessariamente che il pannolino sia completamente pieno.
Anche l’utilizzo di pannolini ecologici(lavabili), in totale assenza di agenti assorbenti lasciano respirare maggiormente la pelle.
In commercio esistono anche varie creme consigliate per prevenire e lenire zone arrossate.Le più consigliate sono quelle contenenti l’ossido di zinco.

Se vogliamo però evitare di utilizzare creme e/o agenti chimici, possiamo provare con qualche trucco della nonna.
Il rimedio homemade naturale più utilizzato, è il bagnetto con la farina d’avena.
Sono sufficienti 100g di fiocchi d’avena, inseriti nel frullatore diventeranno una farina che andrà mescolata nell’acqua del bagnetto.
L’avena aiuta ad alleviare l’irritazione, lenire il prurito e rigenerare la zona.

Un’altro ingrediente che aiuta è l’elicrisio,che ha svariate proprietà, antinfiammatorie,antistaminiche,utile per pelli mature,scottature,piccole ferite e dermatiti.Basta metterne un po’ in un litro di acqua bollita, e con una garzina si può procedere a degli impacchi sulla parte che ne necessita.

Se non abbiamo disponibili gli ingredienti sopra citati, è molto utile ugualmente unire un po” di olio di oliva e acqua, mescolarlo bene e fare delle spugnature.

In certi casi,soprattutto quando la dermatite è già ben estesa, si consiglia l’utilizzo del sidro di mele mescolato con l’acqua e tamponato con un batuffolo di cotone.





Silvia

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: